ENRICO MARIA CERVELLATI

Professore Associato di finanza aziendale presso il Dipartimento di Management dell’Università Ca’ Foscari di Venezia.

Già docente di finanza aziendale all’Università di Bologna, di Corporate Finance alla John Hopkins University Bologna Center e alla Luiss Guido Carli di Roma, di finanza comportamentale presso l’Università di Tor Vergata a Roma e di Behavioral Finance alla John Cabot University di Roma. E’ tra i maggiori esperti italiani di finanza comportamentale.

Dal 2018 contribuisce attivamente ai contenuti didattici del corso 9DOTS EXPERIENCE.

ESPERIENZE, PENSIERI E RIFLESSIONI
del Prof. Enrico Maria Cervellati

Mi occupo di finanza comportamentale dal settembre 2002, il mese prima del Nobel a Kahneman.

Da più di 17 anni ne seguo le evoluzione, che è stata notevole e ha portato dalla «lista» degli errori tipici che commettono gli investitori a possibili soluzioni, tramite i cosiddetti nudge, le «spinte gentili».

Queste spinte sono molto potenti, ma a volte possono «non» essere gentili, ma utilizzate per distorcere le scelte degli investitori non a loro vantaggio, ma a vantaggio di chi le propone.

Queste spinte «interessate» vengono chiamate sludge.

Penso che si debba non solo capire l’importanza delle spinte gentili, ma anche saper riconoscere quelle interessate.

Questo è il motivo per cui ho deciso di contribuire ai contenuti didattici del corso di formazione 9 DOTS EXPERIENCE, proprio per far sì che gli investitori capiscano sempre di più l’importanza di adottare i comportamenti corretti quando investono ed evitare quelli sbagliati e per saper distinguere le spinte gentilI che li avvantaggiano da quelle interessate che invece possono svantaggiarli.

Infine, credo che sia fondamentale avere un metodo quando si investe, un metodo legato ai propri comportamenti. Molte perdite possono essere evitate grazie al metodo.